Post

Tra tradizioni e artigianato: il mazzetto di San Giovanni

Immagine
Avete mai sentito parlare della notte magica di San Giovanni? Nella nostra regione è una tradizione che ancora molti hanno a cuore e che viene tutt'ora rispettata in  alcune aree della Carnia e nella Valli tra il Torre e il Natisone. Tra i molti riti che vengono svolti in questa nottata, io voglio parlarvi del mazzetto di San Giovanni .

Tradizione vuole che nella notte del 23 giugno , la notte più breve dell'anno,vengano raccolte le erbe propiziatorie che formeranno il mazzetto. Durante la notte questo dev'essere lasciato all'aria aperta così potrà essere bagnato dalla rugiada che lo renderà magico.  Le erbe che non possono mancare nel mazzetto sono: iperico, salvia, menta, rosmarino, artemisia, lavanda e barba di capra. Queste assumono proprietà curative e propiziatorie e una volta passata la notte potranno essere essiccate e appese all'uscio di casa a garanzia di un buon anno e conservato fino al giugno successivo.




Tra gli altri usi popolari legati a questa giorn…

Pust: il carnevale della Val Resia

Immagine
La Val Resia è una valle magica, una valle alle porte delle Prealpi Giulie e chiuso a Est dal massiccio del monte Canin. Questo suo isolamento ha fatto si che la popolazione di ceppo slavo che qui è arrivata a seguito dei Longobardi  abbia mantenuto vive alcune caratteristiche e tradizioni uniche . Caratteristica è  la lingua parlata, una lingua dì matrice paleo-slava incomprensibile al di fuori della valle e come importanti sono i riti di grande interesse come il Carnevale - il Pust - e il ballo tipico resiano dalla melodia ipnotica.




Le figure principali del Carnevale resiano sono le Lipe bile maskire, le belle maschere bianche, vestite di bianco, agghindate da nastri colorati e copiosi copricapi decorati con fiori di carta crespa a simboleggiare la primavera.  Accanto a loro i Babaci, le maschere brutte, vestite con abiti vecchi e stracci. Il carnevale vuole simboleggiare il passaggio dall'inverno alla primavera, si balla per scacciare il periodo freddo e buio e per dare il ben…

Grado tra mosaici e mare d'inverno

Immagine
Una cosa che mi è sempre piaciuta è il mare d'inverno. Sarà per il silenzio, i colori ma questa è, a mio parere la stagione dove il mare dà il meglio di se. Questa volta ha vinto Grado, l'isola d'oro, con la sua spiaggia e quell'atmosfera retrò che la caratterizza.



Grado e la sua laguna sono una realtà paesaggistica unica, considerata la più bella del Mediterraneo grazie alla sua estensione ( ben 12 mila ettari ) . un intrico di canali e isolette lagunari qui chiamate mote. Un luogo senza tempo, dove regna il vento l'acqua e il silenzio. Un ecosistema unico perfettamente conservato grazie alla creazione di due grandi riserve naturali. Ma non solo. Grado è sempre stato un punto d'approdo : qui arrivarono Giulio Cesare e  Attila.  Nel tempo fu sede del patriarcato di Venezia e in tempi più moderni salotto della borghesia asburgica che qui passava l'estate tra le terme e le spiagge .




Tutto questo via vai di popolazioni diverse ha lasciato nella città di Grado …

Poffabro, il borgo dei presepi

Immagine
Eccomi! Finalmente sono tornata a parlarvi dei fantastici luoghi che mi circondano e proprio per iniziare  bene l'anno ho deciso di portarvi con me a Poffabro, uno dei più bei borghi della nostra regione, nonché membro dei borghi più belli d'Italia.




Questa piccolo gioiello architettonico si trova nella Val Colvera, a 40km da Pordenone. Alle sue spalle, il Monte Raut innevato fa da cornice perfetta al paese che ormai da anni in questo periodo organizza l'evento " Poffabro: presepe tra i presepi". In cosa consiste? Beh diciamo che il borgo con le sue case di pietra, i cortili e i porticati ben si appresta ad accogliere una miriade di presepi costruiti in maniera artigianale dagli abitanti e da volontari. Durante la manifestazione che si svolge da metà dicembre a metà gennaio, c'è la possibilità di fare anche dell'ottimo shopping enogastronomico e artigianale grazie a delle piccole botteghe che vendono  prodotti tipici della zona.






Un vero e proprio museo a …